Tutorial Euroscope

 
Guida all'installazione e primo utilizzo di Luca Vetturi.
 

Indice

1. Scarica EuroScope
2. Installa Euroscope
3. Download dei sectorfile
4. Configurazione necessaria
5. L'interfaccia di EuroScope
6. Connessione al network VATSIM
7. Come sono fatte le Label?
8. Altre funzioni utili da sapere
9. Cosa posso personalizzare?
 

1. Scarica EuroScope

Scarica l'ultima versione di EuroScope dal sito dello sviluppatore, www.euroscope.hu

2. Installa EuroScope

Apri l'installer scaricato e continua come faresti normalmente, (è consigliato installarlo nelle directory di default per evitare possibili problemi) fino ad "Installation Complete":

 

2.1 Installa l'ultima beta di EuroScope

 

Visita la pagina http://euroscope.hu/installbeta/changes.html, scarica l'ultima beta disponibile e scompattala nella cartella dove Euroscope è stato installato sovrascrivendo i file già presenti.

 

3. Download automatico dei sectorfile

Apri EuroScope:

nella finestra che appare cliccate su Annulla

questo è quello che vi appare

Cliccate sul pulsante OPEN SCT e selezionate Download Sector Files ...

Vi apparirà questa finestra, in cui probabilmente all'inizio ci sarà solo la riga EuroScope main sector file provider: attendete qualche istante o selezionatelo e cliccate Download e lasciatelo scaricare. Ora avrete una folta lista come in figura, quindi selezionate la riga AeroNav GNG Sector File Provider, cliccate Download, quindi selezionate la riga AeroNav GNG LIXX vACC Italy, cliccate Download e poi mettete la spunta verde.

Poco dopo:

Così ora nella parte bassa avrete almeno questi due elementi:

NOTA con il passare del tempo aggiungeremo altri elementi, e le versioni avranno numeri e lettere sempre crescenti: seguite comunque queste istruzioni ed avrete il "pacchetto base" sempre aggiornato.
Selezionate il pacchetto Italy Settings e cliccate Download: vi apparirà la spunta verde su D a download completato

Fate la stessa cosa con Italy ES Package (è un po' più pesante quindi ci vorrà qualche istante) e mettete la spunta verde in questa riga sotto A per far aggiornare automaticamente i sectorfile (CONSIGLIATO)

Controllate se in questa parte bassa avete 2 spunte verdi sotto D ed una sotto A a fianco di Italy. Ok? Cliccate Close, andate nell'angolo in alto a destra e cliccate sulla X per chiudere EuroScope, date conferma su ...

...e cliccate su Cancel All.

Complimenti, avete scaricato i sectorfile, ed ora andiamo a fare la prima configurazione del nostro EuroScope.

4. Configurazione necessaria

Apri EuroScope:

nella finestra che appare selezionate italy.prf (o semplicemente italy, dipende dal vostro sistema operativo) e cliccate Apri.

Benvenuti in EuroScope! Seguitemi ancora un minuto, non ve ne pentirete.

In alto a sinistra cliccate sulle cuffiette, vi apparirà questa finestra:

Cliccate su Hardware Setup e questa sarà la nuova finestra in cui imposteremo tutto ciò che riguarda il nostro audio:

All'inizio bisogna definire le nostre periferiche audio per Ingresso&Uscita Primario (e secondario): normalmente nel vostro PC c'è una sola scheda audio quindi mettete la stessa in tutte e quattro, e vi consiglio di usare Wave non DirectSound.
NOTA se avete due schede audio distinte (ad esempio molti possiedono anche delle cuffie USB) vi consiglio di impostare come uscita primaria la scheda delle cuffie e secondaria quella degli altoparlanti.
Cliccate su Find squelch mode per la primaria e poi per la secondaria, facendo silenzio (aiuta EuroScope a rilevare la soglia del rumore del vostro microfono).
In basso impostate il PTT (Push To Talk) primario e secondario: devono essere due tasti diversi tra loro, e diversi da quello che usate per parlare in TeamSpeak. Il Primary PTT sarà quello che terrete premuto per parlare in frequenza quando sarete connessi come ATC.
Fate Close ad entrambe le finestre, ora il vostro audio è OK.

5. L'interfaccia di EuroScope

In cima vedete la barra degli strumenti (la studiamo successivamente):

Scendendo a sinistra trovate tre liste: Sector Inbound (elenca i traffici che entreranno nella vostra area di responsabilità), Sector Exit (i traffici sotto il vostro controllo), e Departure (voli in partenza dall'aeroporto/i sotto il vostro controllo).
A destra altre tre liste (che si possono spostare): METAR, Voice (utenti connessi ai canali vocali che avete sintonizzato), e Controller list (elenco dei controllori ed osservatori online).
È possibile spostare la mappa radar trascinandola con il tasto destro del mouse; si può zoommare con la rotellina del mouse o con i tasti F11/F12 della tastiera.
 

In basso trovate le chat aperte (in questo caso "Message"), il testo della chat aperta (sfondo grigio), in fondo c'è il campo per scrivere ed alla sua destra la barra di stato.

6. Connessione al network VATSIM

NOTA se siete arrivati a questo punto, si presume che vi siete già registrati al network VATSIM, avete letto il Codice di condotta (CoC), e probabilmente conoscete già la vACC italiana VATITA e le risorse che vi mette a disposizione.
In alto a sinistra cliccate sul tasto CONNECT, vedrete questa finestra:

In Callsign inserite LIRF_OBS (o simile)
in Real name inserite il vostro nome e cognome
in Certificate inserite il vostro numero identificativo che VATSIM vi ha assegnato (è di sei/sette cifre, ed inizia con 8, 9, o 10)
inserite la vostra password.
In Facility scegliete Observer, che è quello che farete ora:

In Rating scegliete il vostro grado ATC (se vi siete appena registrati, probabilmente sarà OBServer):

In Server scegliete un server vicino a dove vi trovate (se siete connessi dall'Italia, un EUROPE o UK va benissimo):

Cliccate Connect: se il login è andato a buon fine questa finestra si chiuderà, nella barra in alto a sinistra il pulsante CONNECT si sarà trasformato nel logo VATSIM, entro qualche secondo inizieranno ad apparire le tracce radar ed i controllori connessi, ed in basso a sinistra ci sarà una nuova chat "server" con il messaggio di benvenuto al network. Se vi appare la finestra delle frequenze chiudetela, ora non ci serve.

7. Come sono fatte le Label?

Forse prima non ci avete fatto caso, ma EuroScope prima di connettersi a VATSIM vi faceva vedere alcune tracce radar e probabilmente qualche controllore: senza farsi notare ogni 20 minuti scarica le informazioni del network (da alcuni conosciute come il feed di Servinfo) per darvi un'idea di cosa vi aspetta quando vi connetterete.
Il "simbolo di posizione" dei traffici "approssimati" è un triangolo, e la "label" (l'etichetta attaccata al simbolo di posizione) riassume i dati del volo approssimato.
Ora però guardiamo i traffici che vediamo quando connessi al network (li distinguete perché il simbolo di posizione non è un triangolo):

Questo "pallino" è il simbolo di posizione di un traffico con il transponder acceso (Modo C); A2000 indica lo squawk inserto dal pilota (2000). 170 è il livello che riceviamo dal transponder (centinaia di piedi), e 25 sono 250 nodi (approssimati) di ground speed.
Fate doppio click sulla label per aprirla:

Ora al posto dello squawk vediamo il callsign del volo, il livello mantenuto è lo stesso, la ground speed idem, ma si è aggiunta una M che in questo caso indica la categoria di turbolenza di scia di questo aeromobile.
Ora passate il mouse sopra la label:

Questa è la label dettagliata. Se questo volo fosse gestito da uno dei controllori connessi, vedremmo la sua sigla al posto degli "- -". A destra della ground speed possiamo vedere il tipo dell'aeromobile (B190); sotto il livello mantenuto leggiamo il livello autorizzato a quel volo (coincidino, difatti era nascosto), ed a fianco l'aeroporto di destinazione.
Se cliccate sull'aeroporto col tasto sinistro del mouse vedrete il piano di volo dell'aereo:

se invece cliccate sull'aeroporto col tasto destro del mouse vedrete la rotta del piano di volo e gli orari stimati di sorvolo dei punti:

8. Altre funzioni utili da sapere

Nella lista controllori il simbolo >> indica che quell'ATC usa EuroScope. EUE è l'ID del settore che lui controlla, EURE_FSS ` il suo callsign. Le lettere nel titolo della lista servono per filtrare le stazioni. Se cliccki col tasto destro del mouse su un controllore:

e selezioni "Listen to frequency" puoi ascoltare il suo canale vocale (e lo sentirete nella periferica secondaria impostata prima). Così nella lista Voice:

vedete tutti i piloti e controllori connessi ai canali vocali che state ascoltando.
Volete aprire una chat con qualcuno?

Scrivete .chat seguito dal callsign dell'utente (pilota o controllore non importa) e date invio: vi si aprirà una chat con lui. Se invece qualcuno vi sta scrivendo in chat, vedrete lampeggiare in azzurro il suo callsign così:

vi basta fare doppio click sul callsign che lampeggia per vedere la chat e potrete rispondere direttamente all'interno senza doverla iniziare con il .chat che abbiamo visto prima. Volete ridurre una chat che vi ruba spazio? Premete ESC sulla tastiera. Un nuovo doppio click sul nome della chat la chiude.
Qualunque cosa clicchiate con il mouse, ne vedrete un riassunto (o il dettaglio) nella barra di stato sotto la chat, a destra del campo dove scrivete. Due esempi:


9. Cosa posso personalizzare?

Nella barra in alto cliccate sul pulsante OTHER SET

  • Display Settings imposta quali elementi del sectorfile (VOR, fix, aerovie, spazi aerei, aeroporti) mostrare sulla mappa radar;
  • General Settings regola il funzionamento di EuroScope;
  • Simbology Settings imposta dimensioni, colori, e stili di quello che vedete.
  • ...e così via.

Normalmente agirete solo su Display Settings, perché gli altri menu sono già stati caricati con i migliori settaggi possibili; aiutatevi con il manuale utente di EuroScope che trovate qui: www.euroscope.hu

10. Cosa viene salvato e dove?

Quando chiudete EuroScope con la X e fate , il programma vi ricorda tutte le modifiche che avete fatto senza salvare: sta a voi decidere se registrare o no ogni cambiamento alla situazione, profilo, o settaggi all'ultimo minuto.
Vi consiglio però di salvare di vostra iniziativa prima di chiudere il programma, così:

Situazione

Nella barra in alto cliccate sul pulsante OPEN SCT

e cliccate Save: così all'interno del file italy.asr salverete la posizione della mappa, lo zoom, quali vor/fix/aerovie/etc avete visualizzato e quali nascosto. Occhio però che il file italy.asr viene sovrascritto ad ogni aggiornamento di sectorfile: per non perdere la vostra situazione usate Save as ... ed usate un altro nome.

Profilo

Nella barra in alto cliccate sul pulsante OTHER SET

e cliccate Save profile: così salverete all'interno del file italy.prf le impostazioni audio ed i dati personali del login. Volete tenere italy.prf pulito e salvare un altro profilo? Usate Save profile as allora.

Settaggi

Nella barra in alto cliccate sul pulsante OTHER SET

e selezionate Save all settings per salvare nel file italy.txt ogni modifica del funzionamento o dimensione/colore/stile dei componenti.